La Data governance come strumento di innovazione e crescita. Paolo Balboni da Bruxelles parla di protezione dei dati come fattore di crescita economica.

03 Mar La Data governance come strumento di innovazione e crescita. Paolo Balboni da Bruxelles parla di protezione dei dati come fattore di crescita economica.

Paolo Balboni, membro del Board dell’IIP, e direttore della European Privacy Association ha partecipato oggi ad una discussione alla Camera di Commercio Americana presso l’Unione Europea sul tema “L’ Innovazione nelle relazioni transatlantiche: svelare il potenziale dell’economia del XXI secolo” . L’evento ha riunito personalità del mondo imprenditoriale ed istituzionale europeo per discutere i fattori chiave che influenzano gli affari e l’economia globale, inclusi i regimi di protezione dei dati.

Il cloud computing è un esempio dell’impatto economico che può avere il cambiamento del regime di protezione dei dati a livello europeo. Focalizzando l’attenzione sul settore della telemedicina che è un ricco mercato con diverse possibilità, è possibile concludere che le tecnologie di Cloud computing mobile possono aiutare la crescita di questo settore, permettendo la portabilità dei dati del paziente e l’ accessibilità ininterrotta, riducendo al tempo stesso la spesa pubblica e migliorando le capacità e performance tecnologiche.

L’attuale legislazione europea, soprattutto riguardo la protezione dei dati, sta ostacolando l’utilizzo di servizi di cloud computing in questo settore, quando negli Stato Uniti è già stato largamente utilizzato.
Non si tratta esclusivamente di una questione economica; la tecnologia del cloud computing potrebbe aiutare l’interoperabilità trans-frontaliera e la conformità ad una ragionevole legislazione in materia di protezione e sicurezza dei dati.

Portare avanti i cambiamenti necessari alla legislazione europea sulla protezione dei dati, l’impegno del Cloud Service Provider nel rispetto della protezione dei dati e una robusta infrastruttura delle reti mobili e fisse per muovere i dati sono le maggiori chiavi di successo.

Balboni è anche intervenuto suoi ruoli nell’ambito della protezione dei dati nel Cloud.

Se i ruoli non sono chiari tra controllore e processore, allora è impossibile distribuire distintamente i compiti e definire le responsabilità lungo la catena di distribuzione. La questione dovrebbe essere avvicinata in modo diverso. O i ruoli nella protezione dei dati devono essere ridefiniti o ci liberiamo di questa distinzione formale per focalizzarci su regole chiare per definire compiti, responsabilità e obblighi legati alla protezione dei dati.