Facebook ritocca la privacy con applicazioni di terze parti