Contro Buzz arrivano le class action