«Privacy violata? Passa in secondo piano»