USA, l’anonimato è un’aggravante?