Non c’è privacy su YouTube e Obama lascia la piattaforma